Crea sito
Crea sito

ADDITIVI DA EVITARE ED ALTRE SOSTANZE PERICOLOSE


Che cosa sono gli additivi?

Gli additivi alimentari sono delle sostanze chimiche  aggiunte ai cibi con molteplici scopi. Non hanno solamente un obiettivo cioè prolungarne la conservazione, ma vengono utilizzati anche per migliorare l’aspetto e il sapore. Le norme, che valgono sia in Italia che in ambito internazionale, prescrivono che le sostanze utilizzate non devono rappresentare alcun pericolo per la salute e, per questo, devono essere indicate in modo chiaro sulle etichette. Il consumatore, infatti, deve essere consapevole di ciò che sta acquistando. In Europa gli additivi autorizzati sono contrassegnati da un numero di 3 o 4 cifre, preceduto dalla lettera E.
Per l’elenco completo clicca qui

Ftalati

Gli ftalati sono un ormoni sintetici la cui presenza è stata riscontrata molto spesso negli alimenti in lattina, in alcuni prodotti destinati all’igiene ed alla cura della persona. Sono stati associati, tramite test di laboratorio, all’ insorgere di disturbi neuro-degenerativi e a livello dell’apparato riproduttivo. Gli ftalati presenti in prodotti d’uso quotidiano, come profumi e cosmetici, sono stati associati a malattie molto pericolose come il diabete. Fonte: Centro italiano d’informazione sugli ftalati.

Grassi idrogenati

Sono contenuti in prodotti da forno, snack e surgelati sotto forma di burri e oli di vario tipo. Per evitarli basta preferire ai cibi confezionati alimenti preparati in casa con materie prime di ottima qualità, per la cui realizzazione e condimento a crudo sarebbe meglio utilizzare olio extravergine d’oliva oppure olii vegetali spremuti a freddo. I grassi idrogenati sono ritenuti responsabili dell’aumento del colesterolo LDL e della diminuzione dei livelli di colesterolo “buono” HDL(che poi anche riguardo al colesterolo bisognerebbe rivedere tutta la faccenda,come facevano notare in una vecchia puntata del Dr Oz Show,appena lo trovo posto il link). Possono rendere i vasi sanguigni meno flessibili ed influire negativamente sulla pressione del sangue.

Piombo

Il piombo può accumularsi nel nostro organismo nel corso di tutta la vita ed una concentrazione eccessiva può essere responsabile di malattie anche gravi come l’anemia, problemi comportamentali, perdita dell’udito e danneggiamento del sistema nervoso centrale. Secondo numerosi test effettuati negli Stati Uniti, una concentrazione di piombo superiore ai livelli consentiti è stata riscontrata in numerose marche di succhi di frutta, ancora più grave sono compresi prodotti destinati ai bambini.

L’aroma di vaniglia

Premetto che fa abbastanza schifo,quindi se state per mangiare o avete appena finito e siete deboli di stomaco,aspettate a leggere.

Vi siete mai chiesti come si ottengono gli aromi di vaniglia, aroma di fragola e lampone, di certo non immaginate che derivino dalle ghiandole anali del castoro! Ebbene sì: siccome il castoro ha una dieta a base di cortecce e foglie, gli permette di secernere il castoreo, sostanza dolciastra che fuoriesce dalle sue ghiandole anali per marcare il territorio. Molte aziende alimentari lo utilizzano per aromatizzare caramelle e alimenti in generale con la presentazione di ‘aroma di vaniglia’ o ‘di lampone’. In realtà di ‘aromatizzato’ c’è ben poco. Per quanto riguarda il fattore animalista nel migliore dei casi vengono sedati. Altrimenti vengono uccisi. Vi sembra logico che dobbiamo inserire nel nostro organismo sostanze che vengono dal posteriore di un animale? A me no. Non comprate prodotti aromatizzati alla vaniglia, anche perché spesso il castoreo è indicato fra gli ingredienti come ‘aroma naturale’, per cui è difficile constatare o meno la sua presenza.
Il castoreo viene utilizzato anche nel campo della cosmetica nei profumi anche, come nel caso di Emaraude di Coty, Cuir de Russie di Chanel, Magie Noire di Lancôme, Caractère di Daniel Hechte.

Crea sito
Crea sito